Addio lanterne rosse, chiude il primo negozio

.: rassegna stampa

L’esercizio gestito dai cinesi all’angolo fra via Udine e via Rittmeyer ha avviato una svendita per cessata attività
Per la Confcommercio è un segno della crisi economica che attanaglia il comparto

Per la prima volta in città chiude un negozio cinese. «Sconti speciali per cessazione attività»: è questa la frase comparsa sulle vetrine dell’esercizio all’angolo tra via Udine e via Rittmeyer, una piccola bottega con le lanterne rosse adibita, come molte altre in città, alla vendita di capi di vestiario e oggettistica varia.
Abituati all’apertura continua di nuovi negozi gestiti da esercenti provenienti dal lontano Oriente, la chiusura per «cessata attività» di un punto vendita della «Chinatown» fa certamente notizia. E appare come un pessimo segno della salute economica cittadina. «Se cominciano a chiudere anche i cinesi allora vuol dire che siamo mal messi», commenta amaro il presidente della Confcommercio Antonio Paoletti.
E loro, i titolari del negozio (che non ha né nome né insegna tranne le usuali lanternine) ammettono che «gli affari andavano decisamente male, non si vende niente». Detto questo i gestori della piccola bottega, marito e moglie (con figlioletto), si trincerano dietro grandi sorrisi e il proverbiale riserbo dei cinesi. Preferiscono non dire i loro nomi, e spiegano solo che «ormai per noi a Trieste gli affari andavano male, inoltre l’affitto del locale è troppo alto; ci trasferiremo in un’altra città del Nord Italia».
«Brutto segno – commenta il rappresentante dei commercianti triestini, Paoletti -, perché i cinesi non mollano il campo così facilmente; vuol dire che sentono anche loro la crisi». «E’ quasi una conferma – aggiunge Paoletti – di come sta andando il comparto del commercio non solo a Trieste, ma in tutta la regione: i consumi non decollano, si prevede un’inversione di tendenza solo nell’ultimo trimestre del 2003».
In quanto alla presenza dei commercianti cinesi, Paoletti conferma che ormai, fra negozi, ristoranti e rosticcerie ci sono in città 130 esercizi con le lanterne rosse, e a parte la chiusura del negozio in via Udine «il trend è in crescita». «Inoltre si stanno specializzando – continua il presidente della Confcommercio – non solo ristoranti e bazar, ma anche negozi di oreficeria; se poi cominciano ad aprire lavanderie a gettone allora siamo a posto: in quel campo non li batte nessuno».
La Confcommercio ha anche provato ad associarli, «ma dopo tanti sorrisi cortesi e un rinvio dall’uno all’altro responsabile ancora nessun cinese si è iscritto alla Confcommercio; anche perché su 130 esercenti solo 27 sono titolari, tutti gli altri sono gestori».
Non solo, ma alcune firme in

Torna Indietro

Confcommercio Trieste

Ci occupiamo delle persone che fanno impresa nel terziario, ascoltiamo le loro esigenze e costruiamo con loro le soluzioni più utili.

Confcommercio Imprese per l’Italia di Trieste | Via Mazzini 22, 34121 Trieste

C.F. 80014390324 |

 

Contatti

Via Mazzini 22  – 34121 – Trieste | TEL. 040.7707366
info@confcommerciotrieste.it  | fax 040.7707361

Orari
lun. mar. giov. – 8 – 13/ 14 -17.30

mer. ven. 8 – 13