Corrispettivi telematici: il nuovo obbligo a decorrere dal 1 luglio 2019

Con recenti disposizioni normative è stato introdotto, a partire dal 1 gennaio 2020, l’obbligo di memorizzazione e trasmissione telematica all’Agenzia Entrate dei corrispettivi giornalieri.

Tuttavia è stato previsto un avvio anticipato al 1 luglio 2019 per i contribuenti che nell’anno 2018 hanno superato 400.000,00 euro di volume d’affari.

I soggetti interessati dalla novità sono quelli che certificano i corrispettivi tramite scontrino fiscale o ricevuta fiscale cartacea (che non potrà più essere utilizzata), il cui elenco è contenuto nell’art. 22 del D.P.R. n. 633/1973 e tra cui si ricordano i commercianti al minuto, le prestazioni alberghiere, le somministrazioni di alimenti e bevande, le prestazioni di servizi in esercizi pubblici (parrucchieri, meccanici, carrozzerie, ecc.).

Per poter ottemperare al nuovo obbligo il contribuente può, alternativamente:

  1. dotarsi di un registratore telematico che soddisfi le esigenze di memorizzazione e trasmissione telematica del dato;
  2. utilizzare l’applicazione che l’Agenzia Entrate metterà a disposizione per l’emissione delle ricevute fiscali;

Si ricorda che l’Amministrazione finanziaria ha previsto il riconoscimento di un credito d’imposta pari al 50% delle spese sostenute per l’acquisto o l’adattamento di un registratore telematico (a decorre dalla liquidazione Iva successiva a quella nel quale è stato fatto il pagamento con strumenti tracciabili) con un tetto massimo di 250,00 euro in caso di acquisto e 50,00 euro in caso di adattamento.

Una valida alternativa alla memorizzazione e trasmissione del corrispettivo telematico potrebbe essere rappresentata dall’emissione di fattura elettronica, anche se non richiesta dal cliente.

Per ulteriori informazioni è possibile chiedere un appuntamento al numero tel. 040 7707366 o per e-mail a info@confcommerciotrieste.it.

 

 

Torna Indietro