Dal nuovo Statuto più spazio e risorse per categorie e imprese

Agile ed omogenea, rimodulata sulle esigenze del nuovo contesto associativo, con meno adempimenti  e più tempo e risorse da investire nel supporto alle imprese.

Il nuovo corso di Confcommercio Trieste è contenuto nella riforma dello Statuto, approvata dall’Assemblea dei Soci, con il voto unanime di tutte le Associazioni aderenti.

Nonostante il processo sia appena partito e necessiterà di passaggi e ratifiche a garanzia delle prerogative e dell’autonomia di ogni categoria, questo primo passo rappresenta una svolta essenziale, molto meditata, fortemente voluta e che ha finalità prettamente operative.

Facendo peraltro un passo indietro nel tempo, nel 1961 la Confcommercio si era costituita a Trieste come Unione tra le molte Associazioni di categoria del terziario già attive sul territorio e  associava quindi le Associazioni e, per il loro tramite, le imprese. Una scelta organizzativa che aveva le sue ragioni storiche e mantenuta fino ad oggi. Già tuttavia dai primi Anni Duemila i cambiamenti socio economici, che hanno comportato nuovi ruoli e funzionalità per le associazioni di categoria e la percezione dell’importanza di una maggiore omogeneità organizzativa a vantaggio della rappresentatività sindacale, avevano evidenziato l’opportunità di questo cambiamento strutturale.

La modifica statutaria collocherà ora Confcommercio Trieste fra le Associazioni di Primo Livello, associando direttamente le imprese e non più solo le Associazioni di categoria o settore.

Verrà salvaguardata anche la cura dei vari segmenti associativi, che saranno  organizzati in Gruppi. La semplificazione o rimozione di molti inutili adempimenti interni consentirà soprattutto di liberare energie in favore dell’assistenza e dei servizi agli associati.  La modifica interesserà inizialmente circa il 75% delle imprese associate mentre, il restante 25%, continuerà a fare parte di Confcommercio Trieste attraverso Associazioni aderenti autonome. Scelte che, ad ogni modo, saranno ovviamente  effettuate in piena autonomia da parte di tutte le Associazioni.

Torna Indietro