Fieragricola 2002: 120mila visitatori

E’ un clima di festa quello che si respira durante l’ultima giornata di Fieragricola. La temperatura primaverile ha favorito l’arrivo nel quartiere fieristico veronese di intere famiglie, pronte ad ammirare e, soprattutto a “gustare”, tutte le novità dal mondo agricolo. Le prime stime riferiscono di un’affluenza di visitatori che, nei cinque giorni, si aggira intorno alle 120mila unità (il solo Quality Show ha fatto registrare circa 40mila presenze).
Dunque, Fieragricola si conferma, ancora una volta, la più importante vetrina europea del settore primario. “Non possiamo che essere soddisfatti – afferma Giovanni Mantovani, direttore generale di Veronafiere – da mercoledì ad oggi abbiamo affrontato temi importantissimi e sono state lanciate molte proposte per il miglioramento della qualità dei prodotti agricoli italiani. Insomma, l’attenzione verso le novità e l’innovazione è stata massima”.
“Il bilancio della manifestazione – ribadisce il commissario straordinario di Veronafiere, Pierluigi Bolla – è sicuramente positivo, sia in termini quantitativi che in termini qualitativi. L’edizione di quest’anno ha rappresentato una tappa fondamentale verso quel processo di rinnovamento dell’agricolutra italiana, al quale, da qualche stiamo dando un contributo deciso”.
La 104ma edizione di Fieragricola si è sviluppata intorno a tre Saloni: quello delle tecnologie, quello del gusto (Quality Show) e quello della zootecnia. Una proposta completa che ha abbracciato tutti i comparti della filiera. Ed ora già si pensa all’edizione del prossimo anno. “Nel 2003 – annuncia Renzo Vernier, direttore delle relazioni estere di Veronafiere – Fieragricola allestirà anche un Salone dell’agriturismo, così come è stato già pensato e realizzato Vintur per il prossimo Vinitaly”.

Torna Indietro