Porto, autotrasportatori sul piede di guerra

Porto, autotrasportatori sul piede do guerra

 

Infrastrutture inadeguate, valichi obsoleti e tempi dilatati per l’espletamento anche di pratiche di routine, stanno inasprendo i rapporti tra autotrasportatori e Autorità Portuale.

Uno scenario che, qualora i vertici dello scalo non provvedessero  ad effettuare interventi migliorativi, potrebbe portare ad un blocco temporaneo di protesta agli accessi al terminal da parte degli operatori del trasporto su gomma.

Nel mirino sono soprattutto i cronici intasamenti riscontrati al Molo IV, punto strategico in quanto “porta d’ingresso” a quello III, dai quali deriva un generale rallentamento delle operazioni.

 

“Il Piccolo”, pag. 29

Torna Indietro