Somministrazione alcolici nei pubblici esercizi: abolizione licenza UTF

La legge per il mercato e la concorrenza, che è entrata in vigore 29 agosto 2017, ha previsto l’abolizione della licenza UTF per gli esercizi pubblici, gli esercizi di intrattenimento al pubblico ed i rifugi alpini.

L’UTF è la licenza fiscale che coloro che producono, trasformano e vendono prodotti alcolici (liquori, vino, birra, profumeria, alcool puro, alcool denaturato ed altro) hanno l’obbligo di richiedere all’Agenzia delle Dogane.

Le attività che devono ancora richiedere la licenza fiscale rimangono le rivendite alimentari, i supermercati, le drogherie, i circoli e associazioni ricreative, le profumerie, gli istituti di bellezza, i parrucchieri, le farmacie, le erboristerie, i depositi e commercio all’ingrosso, gli spacci interni, le mense aziendali, le tabaccherie, gli alberghi, le locande, ecc.

Il rilascio della licenza fiscale di esercizio è effettuato in modalità telematica presentando un’apposita comunicazione allo sportello unico per le attività produttive, che la trasmette poi all’Agenzia delle Dogane affinché l’Ente rilasci la licenza fiscale.

Per ulteriori informazioni è possibile chiedere un appuntamento al numero tel. 040/7707366 o per e-mail a info@confcommerciotrieste.it.

Torna Indietro