Terziario sensibile alle tematiche ambientali

Terziario sensibile alle tematiche ambientali

 

L’80% degli imprenditori del terziario associati a Confcommercio dichiara di aver già adottato o prevede di attuare a breve pratiche sostenibili che coniughino attenzione per l’ambiente e business.

Questo il dato più significativo di un’indagine conoscitiva, realizzata da Format research, che ha evidenziato inoltre come, per il 94,7% degli operatori economici del comparto, ridurre l’uso della plastica sia un dovere morale nonché una misura irrinunciabile a fronte dei cambiamenti climatici e del degrado ambientale che stanno soffocando il pianeta.

La tematica legate alla salvaguardia del mare e del suo habitat, è peraltro al centro di un progetto che Confturismo sta sostenendo in collaborazione con l’Università Alma Mater Studiorum di Bologna.

L’iniziativa, tesa a sensibilizzare la coscienza ecologica di cittadini, turisti e imprenditori, ha visto, solo negli ultimi dodici mesi, il coinvolgimento  di 51 località marittime, ubicate in 11 regioni, con oltre 4 milioni di contatti complessivi, per promuovere appunto l’attività di citizens science sulle biodiversità del mare e incentivare azioni di tutela.

Per Confcommercio, il Green new deal che il Governo sta varando in questi giorni, oltre ad essere essenziale per contribuire ad un’inversione dei trend di inquinamento, riveste una grande valenza anche sotto il profilo economico, in quanto l’elemento mare, per il nostro Paese, costituisce una risorsa importantissima in chiave turistica, con evidenti riflessi su occupazione e investimenti infrastrutturali.

 

www.confcommercio.it

 

Torna Indietro